Basilicata; la terra dei briganti e di Passannante

Briganti1Sicuramente avrai sentito almeno una volta associare il nome della tua regione a questo canto dal titolo Brigante se more, così noto e cantato in Basilicata da poter essere considerato ormai una sorta di inno della nostre regione.

Amme pusate chitarre e tammure
Pecchè sta musica s’ha da cagnà
Simme brigant’ e facimme paura
E ca sch’uppetta vulimme cantà
E ca sch’uppetta vulimme cantà

E mo cantam’ ‘sta nova canzone
Tutta la gente se l’ha da ‘mparà
Nun ce ne fott’ do’ re burbone
A terra è a nosta e nun s’ha da tuccà
A terra è a nosta e nun s’ha da tuccà

Tutt’ e païse da bas’l’cat’
Se so’ scetat’ e mo stann’ a luttà
Pure a calabbria mo s’ è arravutat’
E ‘stu nemic’ o facimm’ tremmà
E ‘stu nemic’ o facimm’ tremmà

Chi ha vist’ o lupo e s’ è mise paur’
Nun sape büon qual’ è ‘a ver’tà
O ver’ lup’ ca magn’ e creatur’
È o piemuntese c’avimm’ ‘a caccià
È o piemuntese c’avimm’ ‘a caccià

Femm’na bell’ ca dat’ lu cor’
Se ‘stu brigant’ u vulit’ salvà
Nun c’ cercat’ scurdat’v’ o nome
Chi ce fa a guerra nun tien’ a pietà
Chi ce fa a guerra nun tien’ a pietà

‘Omm’ s’ nasc’ brigant’ s’ mor’
Ma fin’ all’utm’ avimm’ a sparà
E se murim’ menat’ nu fior’
E ‘na bestemmia pe’ ‘sta libertà

E ‘na bestemmia pe’ ‘sta libertà

Eppure di questo celebre canto che pare antichissimo non esiste alcun documento che ne attesti l’esistenza  prima del 1979 infatti è stato scritto da Eugenio Bennato e Carlo D’Angiò, soltanto nel 1979 e pubblicato l’anno successivo, nel 1980, nell’album omonimo Brigante se more, dei Musicanova. Da allora il canto è stato ripreso da innumerevoli gruppi di musica popolare e folk. In una intervista, ad una domanda che metteva in dubbio la paternità del testo della canzone, Eugenio Bennato  risponse così:

« Allora “Brigante se more” è un brano di cui vado molto orgoglioso, soprattutto perché tutti sono convinti che sia un brano della tradizione napoletana e invece l’ho scritto negli anni settanta con Carlo D’Angiò. Evidentemente abbiamo assorbito la lezione della musica popolare a tal punto da farlo sembrare un canto vero. Un brano che ha portato alla luce un argomento tabù della nostra storia, perso nella memoria poiché sui briganti non si sa nulla, si sono perse tutte le tracce di ciò che cantavano sulle montagne quando si nascondevano poiché, di ogni singolo caso, sono state cancellate le documentazioni. È tutto molto frammentario è per questo che “Briganti se more” è un’opera di poesia, è un’invenzione fatta con grande dedizione al rispetto della cultura. Sembra un canto autentico, e tutte le volte che la gente crede che sia tale lo prendo come un grande complimento perché significa che ho centrato il segreto del linguaggio. Questo brano inoltre appartiene al presente, è conosciuto da tutti e viene cantato. »Eugenio Bennato, intervista ad Il Sannio Quotidiano, 24-09-2002)

Svolgi la parafrasi di questo canto e poi commentala alla luce degli avvenimenti storici studiati, cercando di farti un’idea tua; i briganti furono veri eroi o malviventi?

Ti propongo poi la storia di un personaggio lucano noto e controverso che si pose sulla scia della protesta dei briganti contro i Savoia e si rese protagonista di un gesto plateale che anticipava quello realizzato poi dall’anarchico Bresci nel 1900.
Ecco la storia di Giovanni Passannante da Salvia:

Seguila e poi riassumila.

Annunci